La fibromialgia è una malattia riconosciuta da tutte le organizzazioni mediche (compresa l’Organizzazione Mondiale della salute dal 1992) e che colpisce soprattutto le donne.

Attualmente la fibromialgia è ancora una sfida per la scienza e la medicina, in quanto presenta un quadro clinico ampio e una quantità piuttosto copiosa di sintomi che vanno dal dolore cronico muscolo scheletrico al colon irritabile, vescica iperattiva, alterazioni del sonno, bruxismo, etc.

I pazienti affetti da questa patologia devono fare i conti con l’ipersensibilità al dolore e gli sbalzi d’umore causati dalla malattia che li limita molto.

Tutto ciò avviene perché la sofferenza paralizza e perché risulta più complicato sottoporre il paziente ad un trattamento completo e funzionale affinché recuperi il suo benessere.

Il dolore cronico diffuso a tutto il corpo è il sintomo principale della fibromialgia. La maggior parte delle persone colpite da fibromialgia accusano uno stato generale da moderato a estremo affaticamento, disturbi del sonno, disturbi della sensibilità al tatto, intolleranza alla luce e al suono e a volte difficoltà cognitive. Molte persone , da studi e ricerche effettuate ,accusano una serie di altri sintomi che si sovrappongonoad alte patologie : la sindrome del colon irritabile, il lupus e l’artrite.

IL DOLORE
Il dolore della fibromialgia è profondo, cronico e diffuso. Può migrare verso tutte le parti del corpo e varia di intensità. Il tipo di dolore è stato descritto come lancinante e come indolenzimento muscolare profondo, pulsante .I sintomi di natura neurologica sono rappresentati dall’intorpidimento, dal formicolio, dal bruciore e sono spesso presenti con intensità tale da comportare un notevole stato di disagio al paziente. L’intensità del dolore e la rigidità articolare sono , spesso , più accentuati al mattino.

I fattori esterni che aggravano il dolore: freddo / tempo umido, il i disturbi del sonno , la fatica mentale e fisica, eccessiva attività fisica, l’inattività fisica, ansia e stress.

Stanchezza e Astenia
Molte persone si lamentano di stanchezza, ma la fatica della Fibromialgia è molto più intensa sia dopo una giornata particolarmente impegnativa che dopo una notte insonne. La stanchezza è definita come uno stato astenico che può interferire con il lavoro e con le relazioni sociali .I sintomi includono spossatezza profonda e scarsa capacità di resistenza .

Problemi di sonno
Molti pazienti con fibromialgia hanno un disturbi del sonno che impediscono loro di avere un riposo profondo ed un sonno ristoratore. Ricercatori hanno documentato alterazioni specifiche nel sonno profondo 4 stadio nei pazienti affetti da Fibromialgia. Il sonno è continuamente interrotto “da esplosioni di attività del cervello “, limitando la quantità di tempo trascorso nel sonno profondo.

Altri sintomi
Altri sintomi associati possono essere rappresentati da: colon irritabile e disturbi vescicali, mal di testa e emicrania, sindrome delle gambe senza riposo (periodici disturbi del movimento degli arti), alterazioni della memoria e della concentrazione, accentuata sensibilità della pelle, secchezza degli occhi e della bocca, ansia, depressione, ronzio alle orecchie, vertigini, problemi alla vista, sindrome di Raynaud, ed altri sintomi neurologici aspecifici come la concentrazione .

Non dimenticate che la fibromialgia colpisce ogni persona in modo diverso e presenta, senza dubbio, una vasta gamma di sintomi.

Ciò nonostante i sintomi di cui vi abbiamo parlato possono essere punti di riferimento che possono spronarvi a cercare aiuto nel caso in cui persistano minacciando la vostra qualità della vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *